giovedì, agosto 16, 2012

MOEBIUS IN SOGNO


Il 17 marzo, una settimana dopo la sua scomparsa, Moebius mi è apparso in sogno. Stava in piedi fuori dalla porta del mio studio, vestito con una tuta da operaio, e col dito scriveva un "8" sulla polvere del vetro.

.

2 commenti:

Alessandro Scandiuzzi ha detto...

L'inizio del suo viaggio oltre la soglia deve aver vibrato potentemente nell'etere.
Io a tal proposito sognai un dialogo con un amica: lei si sbracciava sul fatto che era morta una qualche icona della tv/cinema/musica italiana e che tutti ne parlavano da qualche tempo; io con veemenza gli facevo notare che piuttosto, era il caso di onorare la fresca dipartita di una figura molto più importante per tutti noi.
L'intensità e la nostalgia con cui parlavo di tale perdita, nonostante il soggetto fosse indefinito, stranamente mi scuoteva nel profondo.
La mattina, appena sveglio, appresi la notizia della dipartita di Jean Giraud.

Gigi Cave ha detto...

la tua è stata addirittura una premonozione!